Commissario Fabbricini, un’idea: ma se chiamassimo arbitri stranieri?

52 0

Una FIGC finalmente riformata? Ce lo auspichiamo un po’ tutti. Con una richiesta di appendice, chiamiamola così: ma se, per i prossimi campionati, facessimo ricorso agli arbitri stranieri? Certo, magari i rapporti con l’Aia subirebbero un raffreddamento ma siamo così sicuri che l’opinione pubblica non accetterebbe con favore una simile decisione? Un quesito che, sommessamente, giriamo al Commissario di Via Allegri, Fabbricini, ritratto in una foto www.imagephotoagency.it.

Arbitri, che proverrebbero da altre Federazioni europee, impegnati – un paio di turni al mese, mica tanto – nelle gare del Campionato di Serie A. Con direttori di gara nostrani spediti, in un’ottica di rotazione “internazionale”, ad arbitrare Oltralpe. Siamo sicuri che, volendo cavalcare l’idea, un po’ tutti ne sarebbero stuzzicati.

Così magari questa benedetta Var potrebbe essere oggetto di approfondimenti e/o erudimenti anche da parte di fischietti stranieri, in attesa che altri tornei, in Europa, possano adottarla. Idea forse di parte ma che piacerebbe. Anche perché la Lazio, all’ottanta per cento, visto quello che (regolarmente) ci stanno togliendo, ne guadagnerebbe. Eccome…

G.Bi.

Nessun commento on "Commissario Fabbricini, un’idea: ma se chiamassimo arbitri stranieri?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *