Scudetto 1915: la lettera del Presidente Generale Buccioni a Malagò e Fabbricini

1532 0

Ecco la lettera recapitata questa mattina a mano dal Presidente Generale della Società Sportiva Lazio, Antonio Buccioni, al Presidente del Coni, Giovanni Malagò
La stessa sarà a breve recapitata anche al Commissario Straordinario della FIGC, Fabbricini.

“Preg.mo Dott. Giovanni Malagò – Presidente C.O.N.I.
Foro Italico – Roma

Pregiatissimo Presidente, carissimo Giovanni,

il giorno domenica 4 novembre p.v., la nostra amatissima Nazione Italiana celebrerà il centenario dell’epilogo vittorioso del primo conflitto mondiale che vide coronato il sogno risorgimentale dell’unità del territorio nazionale, conquistata anche simbolicamente con l’ingresso del tricolore del Regno in Trento, Gorizia e Trieste grazie al sacrificio di oltre seicentomila eroici concittadini.

La circostanza davvero eccezionale della ricorrenza mi induce senza esitazioni a ricordare, a te Presidente che, ormai da anni, la Società Sportiva Lazio che ho l’alto onore di presiedere attende la formale conclusione, attraverso l’attribuzione del titolo di Campione d’Italia del Calcio1915 ex aequo con il Genoa C.F.C., dell’iter procedimentale a suo tempo intrapreso dalla Federcalcio e che ha visto Commissione con carattere di esemplare terzietà, e composta da insigni personalità di ineccepibile rigore morale e scientifico, pronunciarsi in merito senza possibilità minima di dubbio.
Appare utile significare che pubblicazioni di grande spessore scientifico e ricerche condotte per anni senza indulgenza alla mancanza del più puntuale riscontro abbiano «fotografato» il contributo di vite e di forze di cui dirigenti, tecnici, sostenitori ed atleti Biancocelesti si siano resi interpreti:
32 caduti, 63 feriti di cui 13 con lesioni permanenti.

Con minimo margine di approssimazione, affermo che furono circa 350 i soci della Lazio impegnati nel conflitto; tra questi 76 ricevettero decorazioni al Valor Militare. Non a caso, anche con riferimento a detta partecipazione che risultò armonica con la trasformazione del terreno di gioco della Rondinella in orto di guerra, il Sodalizio fu eletto inEnte Morale con Regio Decreto del 2 giugno 1921 n. 907 per meriti sociali e culturali prima ancora che sportivi e ciò su proposta del Ministro dell’Istruzione Pubblica.

Presidente, un centenario, per di più di un evento di portata epocale per l’intero pianeta costituisce occasione irripetibile di verità e di giustizia.

Rendiamo alla Società Sportiva Lazio quello che i suoi uomini hanno legittimamente conquistato sui campi di gioco e moralmente nelle trincee di guerra.

Con la stima e l’affetto di sempre
Antonio Buccioni
Presidente Generale

Nessun commento on "Scudetto 1915: la lettera del Presidente Generale Buccioni a Malagò e Fabbricini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *