Pallanuoto, non siamo morti. E lavoriamo sotto traccia…

743 0

Tira un’aria strana attorno alla Lazio Pallanuoto. Che non attraversiamo un florido momento economico è arcinoto (ma alzi la mano chi, al netto di Recco, Brescia e Bpm, può dirsi finanziariamente stabile…) ma di qui ad alzare bandiera bianca ancor prima di scendere in acqua ce ne passa. Ci saranno cambiamenti, vero, con qualche giocatore della vecchia guardia che muterà il colore della calottina, lasciando il biancocenleste. Ma la Lazio è viva, orgogliosa e batterà presto dei colpi.

Insomma, le voci di smobilitazione generale non sono veritiere, forse alimentate da chi non ci ama particolarmente. Magari Sebastianutti allenerà una squadra meno forte dell’ultima Lazio (ma anche qui è tutto da vedere poi…) ma sia il coach che la società sono al lavoro per dotare il gruppo di alternative giovani e di talento. Altro che smobilitazione, insomma.

Ci saremo, dalla fine dell’estate, per tenere alto il nome della Lazio Nuoto pur in un campionato complesso e ricco di insidie come il prossimo di A1. Abbiamo un orgoglio da vendere e da rivendicare. Vogliamo disputare il nostro torneo a testa alta e vincere i due prossimi derbies con la Roma. In una parola, non si molla di un centimetro…

G.bic.

Nessun commento on "Pallanuoto, non siamo morti. E lavoriamo sotto traccia…"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *