Mago Luis, vedrai che prima o poi segnerai su calcio d’angolo…

448 0

Vedrete, prima o poi ce la farà Mago Luis a segnare direttamente da calcio d’angolo. Come, sotto la Tribuna Tevere, fece un volta, contro il Verona, il grande Juan Sebastian Veron. Ci sta provando dall’inizio della stagione, il Mago Luis. Che, contro il Crotone, sabato scorso, ha timbrato la parte superiore della traversa.

Sarebbe il suggello ad una crescita tecnica e caratteriale di prim’ordine. Lo scorso anno Luis Alberto era la riserva delle riserve, impalpabile nei pochissimi minuti in cui, fino ad aprile, era stato chiamato in causa. Poi l’estate, la voglia di dimostrare il proprio valore che gli ha infuso Inzaghi. E così Luis, da Auronzo, si è preso la Lazio. Già uno dei migliori nella fantastica notte della Supercoppa. Cambi di passo, aperture a testa alta, una tecnica sopraffina. Un’altra tappa della sua esplosione? Il poker servito al Milan, a metà settembre, con assist e un gol al bacio. Protagonista assoluto, adesso, Luis, mica comprimario fino a pochi mesi fa quando, spaesato e intristito, voleva riprendere il primo volo Iberia per la casa madre.

La punizione contro il Sassuolo altra perla della sua stagione da prim’attore. Con la nazionale spagnola che si accorge del suo valore e lo convoca senza indugio. Ora biancoceleste, ora “furia rossa”, magari al prossimo Mondiale di Russia. Tecnica al potere con Luis, non più oggetto misterioso ma stella lucente della Lazio e della serie A. E vedrete come cresceranno i consensi quando Luis segnerà pure da calcio d’angolo. Perché quello accadrà, vedrete…

G.Bi.

Nessun commento on "Mago Luis, vedrai che prima o poi segnerai su calcio d’angolo…"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *