Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer? Un mito senza età della Lazio Nuoto!

977 0

Bud Spencer, all’anagrafe Carlo Pedersoli, classe ’29, napoletano di nascita, scomparso due estati fa, non è stato soltanto un grande attore, paroliere, imprenditore (fondò una società di elicotteri e di aerei), fiutando affari in mezzo mondo, formidabile amante degli Stati Uniti e del Sudamerica ma per noi, cultori biancocelesti delle oltre sessanta Sezioni della Polisportiva, uno dei grandi interpreti della Lazio Nuoto degli anni ’50, la società più antica e poi gloriosa del panorama nazionale.

Incontrata quasi per caso, dopo la guerra, nel ’49, reduce da esperienze lavorative in Argentina e in Uruguay, pensate un po’. In piscina, con il magico accappatoio celeste addosso, Carlo Pedersoli incantò per sei, lunghissime stagioni, primo atleta a scendere, sulla magica distanza dei 100 metri stile libero, sotto il minuto. E poi quel fisico, sopra i cento chili, ideale per tramutarsi in un fantastico ed immancabile centroboa.

Si, Carlo fu un campione del nuoto e della pallanuoto. Come tanti altri, incredibili atleti della Lazio Nuoto: Ognio, Gionta, Pucci, Baccini, Ceccarini, quelli della vecchia guardia, insomma. Ricordi biancocelesti (uno scudetto sfiorato nella waterpolo, nove titoli nazionali vinti nel nuoto, a stile libero e a rana) e a tinte azzurre, con quelle partecipazioni ai Giochi di Helsinki e Melbourne.

A corredo di splendide pagine di sport, di Lazio e di Nazionale una città, Roma, magicamente a misura d’uomo, protesa al boom economico e alle preparazione delle più belle Olimpiadi sia qui disputate, con gli atleti che si mischiavano alla gente normale, in una condivisione stupefacente tra lo sportivi di professione e il semplice appassionato. A lui Carlo, immortalato in una suggestiva foto in bianco e nero tratta dall’archivio Beninati, che ringraziamo, diventato poi Bud Spencer nella sua successiva e fortunatissima vita da attore, sono legate pagine magiche del nuoto e della pallanuoto. E proprio alla nostra Sezione Bud era solito ormai mandare un messaggio all’inizio di ogni stagione agonistica.

Negli ultimi scorci di vita qualche acciacco di troppo: aveva un’età ormai, Bud. Un mito dello sport azzurro, una stella della Lazio Nuoto. Una passione per la giovinezza e per gli anni biancocelesti mai scalfita dall’incedere degli anni. Ci piace ricordarlo con la foto che abbiamo scelto: sorridente nella sua dimensione di fenomeno dell’acqua. Grande Bud, ci manchi…

G.Bic.

Nessun commento on "Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer? Un mito senza età della Lazio Nuoto!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *