La Lazio nuovo modello per il calcio a 5

373 0

Campione d’Italia con la femminile Under 19 nazionale sperimentale. Finalista nella Coppa Italia di Serie A in rosa, sovvertendo qualsiasi tipo di pronostico, con Arianna Tirelli addirittura votata migliore portiera – all’unisono – dalla stampa presente al PalaCattani.
A bocce ferme, la maschile neanche doveva esserci in Final Eight, poi il capolavoro di Augusta col Maritime nel barrage di Coppa Italia, a cui si somma una super prestazione nei quarti di finale contro un’Acqua&Sapone messa – a tratti – sotto per oltre un tempo, prima di cedere alla distanza.

Tre indizi fanno una prova: la Lazio è una delle vincitrici morali della Final Eight “on the road” in Emilia Romagna.

Nel futsal benvengano i forti investimenti dell’Acqua&Sapone e dell’Italservice Pesaro di turno: portano campioni in Italia, innalzano il livello qualitativo della Serie A, sono un volano per tutto il movimento.

Ma si può fare parimenti un certo tipo di calcio a 5 basato prevalentemente sui giovani italiani (la Lazio maschile e femminile hanno di gran lunga l’età media più bassa per distacco delle rispettive Serie A), con le risorse a disposizione, sfruttando i settori giovanili ed essere comunque competitivi. Per informazioni, chiedere alla Lazio di Daniele Chilelli, ritratto nella foto Divisione Calcio a 5. Yes, you can.

(articolo di Pietro Santercole tratto da calcioa5live.com: ringraziamo entrambi)

Nessun commento on "La Lazio nuovo modello per il calcio a 5"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *