Felipe, se fai il marziano ogni traguardo è possibile…

142 0

Contro la Steaua è come se la Lazio avesse giocato con un uomo in più. Perché Felipe si è esibito come un marziano, dal primo all’ultimo minuto in cui è stato in campo. Un extraterrestre che ha incendiato l’Olimpico, semplicemente immarcabile. Accelerazioni, assist al bacio, un gol di precisione e cinismo. Devastante, per i rumeni, la sua intesa con Ciro. Ma pure con Luis Alberto ha dialogato spesso. E quando gli uomini di classe si scambiano superbamente il pallone per ogni difesa avversaria iniziano gli incubi.

Ecco il punto, allora. Di Ciro, Sergej e Luis Alberto, ormai, conosciamo tutte le virtù. Ma se pure Felipe, senza più pause o amnesie, continuasse a giocare – da giovedì sera fino al prossimo maggio – come un marziano, bene, nessun traguardo potrebbe essere precluso alla nostra Lazio. Che ha messo il naso negli ottavi di finale di Europa League, insegue la qualificazione all’ultimo atto di Coppa Italia e vuole centrare il passi per la Champions. Stanno per arrivare i terreni leggeri e con un Felipe ritrovato, leggiadro nei dribbling e nel creare la superiorità, tutto sembra, d’incanto, possibile…

G.Bi.

Nessun commento on "Felipe, se fai il marziano ogni traguardo è possibile…"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *